Storia

Articoli e studi di storia

Ioan Aurel POP “La coscienza latina dei Romeni negli autori italiani del Rinascimento”

Ioan Aurel POP “La coscienza latina dei Romeni negli autori italiani del Rinascimento”

Nel panorama dei molti autori stranieri che hanno descritto lo spazio carpato-danubiano, gli scrittori italiani risultano i più numerosi e i più circostanziati nell’aver notato, sin dal tardo Medioevo, che i Romeni erano di origine romana (italica o italiana), in quanto eredi dell’antica colonia edificata oltre il Danubio e i Carpazi dall’imperatore Traiano. Gli autori italiani, per evidenti ragioni fonetiche, compresero che i Romeni parlavano una lingua romanza. Inoltre essi osservarono, in virtù di affinità culturali, che i Romeni avevano ancora costumi e abitudini romani. Ma i dettagli più interessanti e più sottili emersi dagli scritti degli autori italiani sui Romeni sono altri tre: 1) i Romeni si chiamavano tra di loro romani e nominavano la loro lingua romanesca; 2) gli stranieri chiamavano i Romeni col nome di Valacchi, in modo analogo al nome dato agli Italiani; 3) i Romeni pretendevano di discendere dagli antichi romani ed erano orgogliosi di questa loro nobile origine.

Un passato che non si dimentica

Un passato che non si dimentica

Dopo la Rivoluzione dell’89, il Popolo Romeno volta pagina, cercando in ogni modo di cancellare il ricordo di un regime dittatoriale durato quasi cinque decenni. In effetti chi avrebbe voluto rivivere e raccontare un passato così buio? Questo periodo è stato spesso identificato con l’assenza di libertà, di cibo, l’impossibilità di viaggiare e conoscere (…)

Gli italiani di Craiova – gli artigiani

Gli italiani di Craiova – gli artigiani

Gli artigiani italiani sono emigrati attirati dalle opportunità lavorative che il nostro paese offriva in quel periodo. I lavoratori qualificati italiani arrivano in Romania alla fine del XIX secolo e l’inizio del XX secolo attratti dagli alti stipendi e dalla possibilità di fare buoni affari.

6 marzo 1945 – il governo Petru Groza e la nascita del regime comunista in Romania

6 marzo 1945 – il governo Petru Groza e la nascita del regime comunista in Romania

L’influenza sovietica tramite agenti russi infiltrati nel governo romeno è stata decisiva nel corso degli eventi, il Governo Groza alla guida del paese essendo stato imposto dalle forze armate sovietiche.

4 marzo 1977. Il terremoto di Bucarest – 55 secondi di incubo

4 marzo 1977. Il terremoto di Bucarest – 55 secondi di incubo

Uno dei terremoti più distruttivi degli ultimi decenni nel mondo, con più di mille morti a partire dagli anni ’70 è stato il terremoto di Vrancea, Romania, che si scatenò alle 21:20 locali di venerdì 4 marzo 1977 (…).

Storia di’un emigrazione italiana in Oltenia

Storia di’un emigrazione italiana in Oltenia

L’integrazione, nel caso degli italiani, sul territorio romeno è stata facilitata dall’affinità della lingua, dei costumi e del clima.
La zona di emigrazione, all’inizio prevalentemente contadina e seguita dopo anche da quella urbana (…).

Punti di vista. I romano cattolici della Moldavia. Ceangăi/Csango (1)

Punti di vista. I romano cattolici della Moldavia. Ceangăi/Csango (1)

Nelle condizioni di una forte esposizione mediatica sul piano pubblicistico, scientifico, politico e diplomatico della „problematica dei cattolici di Moldavia” (i „ceangai”), si può notare anche l’affermazione della loro origine romena, a partire dal secolo al XIX secolo.

Protesta romena contra la Mostra “Csango” da Bologna

L’associazione Romano-Cattolica Dumitru Mărtinaș di Bacău (Romania) esprime il suo profondo disaccordo in merito alla recente mostra fotogafica Csàngò (ceangăi), organizata a Bologna, che rappresenta una forma di manipolazione dell’opinione pubblica.

Alcuni aspetti sul Movimento Legionario in Romania (1)

Affrontare un capitolo fondamentale della storia romena, come il Movimento Legionario, il suo significato, rimane ancora nella cura di una giovane generazione di storici – un argomento che deve essere tratatto con un approccio multidisciplinare.

1 Dicembre. La Romania celebra la festa nazionale. I romeni e gli italiani nel 1918

Il processo di unificazione dei romeni, reso definitivo tramite l’atto pubblico del 1 dicembre 1918, per il quale si festeggiano 94 anni, significa la più importante pagina di svolta della storia romena. La grandezza di questo processo, che è stato la spinta per il coronamento dell’unità nazionale, è data dal fatto che questo avvenimento storico assai imponente non è stato l’opera di un politico e nemmeno di un partito o governo, ma raffigura per eccellenza l’operato dell’intera nazione romena, manifestato mediante il documento firmato ad Alba-Iulia.

Page 1 of 6123Next ›Last »