Roma. 13 otobre 2010. Presentazione “Icone sul vetro di Sibiel”

Ott 4, 2010

FOTO: Padre Zosim Oancea (1911-2005), prete ortodosso con alle spalle 10 anni di carcere e 5 anni di lavori forzati solo per aver aiutato famiglie di preti imprigionati, nel gennaio 1964 viene mandato come parroco a Sibiel.

Nell’ambito dell’Accademia di Romania a Roma il 13 ottobre 2010 dalle 20.30 il pubblico italiano e romeno è invitato alla presentazione de libro: ‘Icone sul vetro di Sibiel’.

Interveranno: S.E. Rev.ma SILUAN, vescovo della Diocesi Ortodossa Romena d’Italia
Padre Federico LOMBARDI, Direttore Sala stampa vaticana e portavoce di Sua Santità Benedetto XVI
Giovanni RUGGERI

Nel verde dei Carpazi in Romania, a 20 km dalla città di Sibiu (Capitale europea della cultura 2007), sorge il Museo delle icone su vetro di Sibiel, il più grande al mondo nel suo genere, con oltre 600 capolavori di arte popolare romena dipinti da anonimi contadini tra Settecento e Ottocento. Agriturismo, tradizioni, enogastronomia, posizione strategica nel cuore della Romania (collegamenti aerei per l’Italia da Sibiu) fanno di Sibiel una eccellente base anche per scoprire la Transilvania. Paesaggi intatti, antiche cittadelle, chiese fortificate: il piacere della scoperta in un mondo d’altri tempi.

Icone su vetro nel cuore della Transilvania
Tutti conoscono le icone su legno della grande tradizione russa. Pochi sanno invece delle splendide icone su vetro realizzate in Transilvania tra gli inizi del 1700 e la fine del 1800. Singolare fusione di tradizione orientale e tecniche occidentali, queste coloratissime icone sono opera di anonimi contadini, piccoli grandi artisti che trasposero in questi capolavori il loro mondo antico.

Nel 1969, Zosim Oancea, geniale prete ortodosso, riesce a compiere un vero miracolo: dopo 15 anni di carcere ‘per motivi politici’, coinvolge gli abitanti di Sibiel e con loro dà vita, sfidando l’oppressione del regime, ad un grande Museo di icone su vetro: una collezione di circa 600 capolavori, rappresentativi di tutti i principali generi, in cui si riflette di una straordinaria creatività artistica che può essere ammirata in tutta la sua ricchezza proprio a Sibiel. La più grande esposizione del mondo nel suo genere.

Cultura, natura, agriturismo


Insieme al suo Museo, Sibiel esprime l’anima autentica di un tipico villaggio di Transilvania, assicurando al contempo servizi di agriturismo su standard europei. La sua posizione geografica, al centro della
Romania, ne fa un’ottima base per visitare altri importanti centri, dalla vicina splendida città di Sibiu, Rasinari (villaggio natale del filosofo Emil Cioran), Biertan (grandiosa chiesa-cittadella fortificata), Sighisoara (incantevole per l’atmosfera). Uno straordinario panorama dell’eredità culturale espressa da romeni, sassoni e ungheresi che ancora oggi qui coabitano.

Per saperne di più

La storia delle icone su vetro della Transilvania, con un’ampia presentazione della collezione di Sibiel e il racconto della storia del Museo Oancea sono presentate nel libro ‘Le icone su vetro di Sibiel’, settantadue pagine di testo e fotografie a colori, firmate da Giovanni Ruggeri, giornalista esperto di Romania.

Fonte: Giovanni Ruggeri, tel. 392.0208235,

info@sibiel.net – Sito: www.sibiel.net