Chise fortificate sassoni della Transilvania

Nov 22, 2008

Chiese fortificate sassoni della Transilvania

La Transilvania, regione di colline situata al centro della Romania, ha un panorama culturale particolare. Costretta alla coabitazione durante tanti secoli dei popoli rumeni, ungheresi e tedeschi, presenta una caratteristica unica al mondo, in una provincia piccola dove si trovano delle concentrazioni di chiese fortificate, e di chiese fortezze, a testimonianza delle tecniche di difesa. L’origine e la sviluppo della fortificazione delle chiese, sono legati al movimento della storia della Transilvania – dall’invasione dei Mongoli nel 1241 – 1242, all’invasione dei turchi nel 1395, fino alla sconfitta devastatrice del preungherese nella battaglia di Mohács del 1526.

Durante questi anni d’invasione, le chiese hanno dovuto proteggersi il più possibile contro la guerre che si successero nella provincia di Transilvanai fino al principio del XVIII secolo. La densità geografica e il numero importante delle chiese, più di 150, sono arrivate fino a noi, e un fenomeno caratteristico del contesto storico, giuridico, religioso e sociale è legato ai loro costruttori, i Sassoni di Transilvania. Nel corso dell’occupazione progressiva della Transilvania, il re ungherese Geisa II (1141-1161) decise di far venire degli emigranti tedeschi della regione di Colonia. Dopo una nuova ondata d’emigranti, il flusso si fermò verso il 1300. Dal punto di vista religioso, questi villaggi sassoni erano attaccati alla chiesa cooperativa sassone a partire dal 1542 e fino alla Riforma. La chiesa transilvana-sassone ha adottato nel 1572 la confessione d’Augsbourg e conserva ancora le caratteristiche di chiesa popolare.

La cittadella di Axente Sever; Nel loro paese d’origine, gli emigranti avevano pensato che in caso di guerra, sarebbe stato preferibile abbandonare i villaggi, e salvare le loro vite e i loro beni, grazie alle fortificazioni facili da raggiungere. Questa è la scelta del tipo di protezione sui luoghi della fondazione delle colonie. Le terre coltivabili sono divise sistematicamente, le case con il giardino sono allineate strettamente e formano dei villaggi, con strade, pascoli, piazze, e la chiesa al centro del villaggio. La maggioranza dei villaggi sono costruiti sulle colline, in posizione strategica e facilmente raggiungibili.

La cittadella di Biertan; Questo tipo di densità è stata la base della fortificazione delle chiese che furono costruite in seguito, durante l’nvasione mongola. Anche con tutte le trasformazioni profonde di questi secoli passati, è possibile ricostruire le fortificazioni delle chiese della seconda metà del XIII secolo: quasi tutte le basiliche del tempo della colonizzazione, le chiese che sono state costruite più tardi, conservano delle torri.

La cittadella di Harman; Queste torri avevano delle stradine per fare la ronda, e dei piccoli buchi per vedere fuori, mentre attorno alle chiese c’erano dei muri alti, un fossato e una porta per entrare. Se le prime chiese fortezze hanno preso come modello medioevale i castelli dei cavalieri, le case fortificate dei conti sembrano il modello scelto in Transilvania. Solo quella di Cîlnic-Kelling, nell’Unterwald (nella Transilvania occidentale) ha attraversato i secoli. Costruita nel 1260 per il Conte Chyl de Kelling, ha una torre massiccia, abitazione per tre piani, e una piccola chiesa, semicircolare e protetta da un muro di forma ovale.

La cittadella di Codlea; Nel 1430, i discendenti del Conte decidono di aprirla alla gente del villaggio, che ha allargato la fortificazione con un muro esteriore, e attraverso un bastione semicircolare, e nella corte interna con dei muri supplementari con delle case che si appoggiano contro i muri esterni. Dopo un periodi di problemi, la Transilvania attraversò un periodo di calma e con Luigi il Grande (1342-1382) le colonie tedesche arrivarono a un grande benessere economico. Si sviluppa una grande attività di architettura, e si cominciano a costruire le grandi chiese nelle città come Sebes-Mühlbach, Cluj Napoca-Klausenburg, Sibiu-Hermannstadt, Medias-Mediasch, Sighisoara-Schäßburg e Brasov-Kronstadt

fonte: www.vacance-roumanie.com