Bucarest. L’album “L’anno del Re”

Nov 1, 2011

L’album “L’anno del Re” presenta la vita della Famiglia Reale durante tutto l’anno, in occasione di ogni festa o visite ufficiali e racconta anche momenti di vita quotidiana del Re, accompagnati da immagini molto rappresentative. Un volume affascinante sulla vita di un uomo che ha attraversato due secoli, ha avuto la corona in testa sin dalla sua nascita, e ha vissuto i momenti più significativi della storia – da sovrano.

All’evento ospitato dal più importante museo d’archeologia e storia della Romania, sono stati presenti Sua Altezza Reale la Principessa Margherita (figlia di Re Michele, erede dinastica al trono), suo consorte e autore del libro, il Principe Radu di Romania, e il Principe Nicola di Romania (nipote di Re Michele, figlio della Principessa Elena).

Nel suo discorso, il Principe Radu di Romania ha offerto maggiori particolari sull’album.
Parliamo di 365 giorni, in cui un uomo che ha varcato la soglia dei 90 anni e la sua famiglia riempiono centinaia di pagine con centinaia di impegni pubblici, su tre continenti e in ogni angolo di Romania – per renderla più degna, più connessa al mondo, più prevedibile e più salda”, ha aggiunto l’autore del libro, menzionando che il ruolo del Casato reale romeno è quello di “essere un’istituzione viva e non di far parte dei reperti di un museo”.

Il libro è diviso in quattro grandi capitoli, che corrispondo alle stagioni dell’anno, come spiega l’autore.
In primavera, le attività più importanti per il Re sono la Pasqua, il 10 maggio, i ricevimenti al Palazzo Elisabetta (residenza del Re a Bucarest) o al Castello di Savarsin, e il tempo trascorso con i suoi figli, nipoti e bisnipoti. L’estate comprende viaggi in tutti le parti del mondo. L’autunno è il periodo degli spostamenti in Romania (nelle scuole, università e comuni). L’inverno, invece, è dominato dal Natale a Savarsin, dove il Re riceve membri di altre famiglie reali e alte personalita’ del mondo”, ha concluso il Principe Radu di Romania.

Tra le attività recenti del Re, ricordiamo l’inaugurazione del suo “museo della pazienza”. Si tratta del restauro del garage di Savarsin (località che ospita uno dei Castelli della Famiglia Reale), che dopo 60 anni accoglie nuovamente le automobili tanto amate da Re Michele I.

Re Michele I ha regnato nel periodo 20 luglio 1927 – 8 giugno 1930, ma anche dal 6 settembre 1940 al 30 dicembre 1947. Il 30 dicembre 1947, Michele I fu costretto dai comunisti a firmare l’atto di abdicazione. A giugno del 1948 sposò la principessa Anna di Borbone – Parma, conosciuta anche come la regina Anna di Romania. Dopo il crollo del comunismo, Re Michele I è tornato in Romania, che ha rappresentato nelle varie visite, conferenze, interventi pubblici, accanto a sua consorte e alla principessa Margherita, designata suo successore nel 1997.

Razvan Galos, Radio Romania Internazionale