Centro Culturale Italo Romeno
Milano

In uscita presso Rediviva: Maria di Romania “La storia della mia vita”

Ott 21, 2022

In uscita presso Rediviva:

 “La storia della mia vita” di Maria, Regina di Romania

Rediviva Edizioni di Milano è lieta di annunciare l’uscita del libro: “La storia della mia vita” di Maria, Regina di Romania (1875-1938).Nell’anno del Centenario dell’Incoronazione del re Ferdinando e della regina Maria, la casa editrice Rediviva di Milano propone ai lettori un eccezionale libro su un grande personaggio della storia romena: l’autobiografia della regina Maria di Romania.  Il diario della Regina Maria, dal titolo originale The story of my life, fu pubblicato contemporaneamente a Londra e New York negli anni 1934-1936.

In italiano venne stampato negli anni 1936-1938 in due volumi: “Maria di Romania. La Storia della mia vita” e “Maria di Romania. Il mio diario di guerra” presso la prestigiosa casa editrice Mondadori, nella traduzione di Mario Borsa, giornalista e scrittore italiano che per qualche tempo visse a Londra, poi, per due decenni, fu corrispondente da Milano per il quotidiano The Times.

La nuova ripubblicazione presso Rediviva a cura di Silvia Storti Shelyta, [revisione e adattamento del testo], riunisce il diario in un unico volume di 900 pagine, diviso in cinque parti: Infanzia; La giovinezza; Inizio del matrimonio; 1906-1914; Gli anni della guerra.

Attraverso questa ripubblicazione, edizioni Rediviva rende omaggio alla Regina Maria, che svolse un ruolo fondamentale nella formazione della Romania moderna. Nell’occasione, la redazione di Rediviva ringrazia Sua Maestà Margareta, Custode della Corona, che ha accolto con favore la “necessaria e importante iniziativa” di pubblicare in italiano le memorie della Regina Maria, opera che riporta all’attenzione delle nuove generazioni pagine decisive della storia moderna della Romania.

  «Regina Maria…» «Regina Maria…» E nel mio nome vibrava quasi un suono di speranza. «Regina Maria…» Sentii improvvisamente che dovevo scoprire il mio volto, che dovevo presentarmi al mio popolo senza che s’interponesse un velo di lutto. Un grande clamore salì fino alla volta, qualcosa di potente e tremendo che veniva dal fondo di tanti cuori. «Regina Maria!» E ci trovammo faccia a faccia, il mio popolo e io! E questa fu la mia ora, tutta mia, un’ora che fu concessa a ben poche persone perché in quel momento essi non acclamavano solo un’idea, una tradizione, un simbolo, ma una donna, la donna che amavano! E in quell’ora seppi che avevo vinto, che la straniera, la ragazza venuta dai Paesi d’oltremare, non era più una sconosciuta, che appartenevo al mio popolo con ogni goccia del mio sangue. Delusioni, dolori, disgrazie potevano ancora accadere; non eravamo forse tutti nelle mani di Dio? Ma l’ora in cui ci fissammo negli occhi, il popolo e io, l’ora in cui i loro volti si volsero verso il mio, fu veramente la “mia” ora, e voglio chiudere il libro con questa visione, la visione del mio popolo che si volgeva verso di me come se io fossi stata la sua suprema e ultima speranza… [La storia della mia vita]

[…] Parlerò di me in rapporto alla Romania; la Romania e io, o io e la Romania, il che è poi la stessa cosa. E abbiate pazienza se troverete molti pensieri, molte deduzioni e conclusioni alternate con i fatti che dovrò narrare. Ma la mia vita è stata così lunga e così piena di avvenimenti che ho appreso molte lezioni e mi sono creata, valga quel che valga, una mia filosofia.

 

La personalità e il ruolo della Regina Maria hanno segnato la storia romena ed europea non solo a livello politico, ma anche so­ciale e culturale.  Soprannominata dai contemporanei “Regina Marii Uniri” (Regina della Grande Unione), “Împărăteasa tuturor românilor” (Imperatrice di tutti i romeni) o “Ambasador irezistibil” (Ambasciatore irresistibi­le), la Regina Maria è stata una delle figure fondatrici della Romania moderna. Personalità forte e poliedrica, si è affermata nel campo politico e diplomatico, ha svolto compiti di assistenza sanitaria e caritatevole al fronte, e si è battuta per l’unione e il riconoscimento internazionale di Transilvania, Bessarabia e Buco­vina come parte della Romania. È stata la prima donna al mondo a diventare membro dell’Academie des beaux’arts di Parigi e la prima ospite ufficiale del presidente Calvin Coolidge alla Casa Bianca.

Maria nacque il 29 ottobre 1875 a Eastwell Park, contea del Kent, Regno Unito. Il suo nome completo era Maria Alexandra Victoria di Sasso­nia-Coburgo-Gotha, il lignaggio altissimo: aveva il titolo di Grande Principessa di Gran Bretagna e Irlanda, in quanto nipote della Regina Vittoria del Regno Unito, ed era altresì nipote dello zar Alessandro II di Russia.  Suo padre era Alfredo di Gran Bretagna e Irlanda, Principe di Sassonia-Coburgo-Gotha, Duca di Edimburgo (1844-1900), il quale aveva rifiutato, nel 1863, il trono di Grecia. Sua madre, Maria Alexan­drovna Romanova, Granduchessa di Russia, era figlia dello Zar Alessandro II di Russia. Il 10 gennaio 1893, a soli 17 anni, Maria sposò il Principe Ferdi­nando, erede al trono di Romania. Dapprima Principessa ereditaria, quando suo marito salì al trono col titolo di re Ferdinando I di Romania, Maria divenne la seconda Regina di Romania.

Oltre ai meriti connessi alla sua carica regale e all’impegno sociale, politico e filantropico, la Regina Maria ha lasciato una ricca produzione letteraria, com­posta da memorialistica, lettere, volumi, racconti, fiabe e poesie. Il pregio principale va alle pagine del suo diario, che costituiscono una fonte documentaria prolifica e autorevole sui grandi eventi della Romania del suo tempo. Nei volumi pubblicati, che rivelano anche le sue doti di scrittrice, la Regina Maria ha lasciato testimonianze che sono diventate tra le più attendibili e prestigiose fonti memo­rialistiche relative alle vicende storiche della Romania nei primi decenni del XX secolo.

Il libro è acquistabile online sul sito www.rediviva.it

 

Autore: Maria di Romania

Titolo in italiano: LA STORIA DELLA MIA VITA

Titolo dell’opera originale: THE STORY OF MY LIFE

Lingua della prima edizione: inglese

Anno pubblicazione della prima edizione: 1934

Traduzione in italiano: Mario Borsa

Anno pubblicazione in italiano: 1936

Revisione e adattamento del testo:

Silvia Storti Shelyta

Collana: Memorie

Copertine rigide

ISBN: 978-88-97908-70-8

Euro: 40 00

www.rediviva.it