Letteratura

Letteratura

Le traduzioni di narrativa romena in italiano, 1990-2014

Le traduzioni di narrativa romena in italiano, 1990-2014

La storia e la cultura della Romania rappresentano ancora un’incognita, anche nelle linee generali, persino per molti italiani con studi superiori. E, cosa affatto strana, comincia a esserlo anche per molti giovani “romeni d’Italia (…)

Romania. “Dicembre 1989. Da quando niente sarà più come prima”…

L’avevo già detto: alla fine dell’ 89 tutto si era inasprito, era diventato sempre più faticoso vivere. Sopravvivere. Morire. Ha ancora senso parlare della nostra vita pietrificata nel buio, nel freddo, nella paura e nella menzogna, e in privazioni inimmaginabili per chi non le ha vissute? Avevo perso mio marito. Quante volte, in quei tempi oscuri, ci eravamo detti: «Dobbiamo resistere. Dobbiamo farcela. Sopravviveremo a loro, questo è poco ma sicuro!». (…) È difficile farsi strada in mezzo alla folla. Mi fermo più volte per gridare, cantare, fischiare, pregare. (Alle 17.30, in piazza dell’università, all’angolo di sala Dalles, sono caduti i primi morti di Bucarest: 13, falciati da una mitragliatrice. L’ho saputo molto più tardi, una targhetta sul muro e una candela restano a testimoniarlo. Ero stata, di nuovo, protetta.)

Dialogo con la scrittrice romena Nora Iuga a Bookcity Milano

Nora Iuga, pseudonimo di Eleonora Almosnino, è una poetessa romena, tradut trice dal tedesco e scrittrice, nata il 4 gennaio 1931 a Bucarest, una figura di rilievo del panorama culturale romeno. La scrittrice ultraottantenne dimostra alla sua età un’impressionante vivacità fisica e intellettuale (…)

In uscita: La grazia di casa mia, Julio Monteiro, Rediviva edizioni

Per «La grazia di casa mia» si è rivolto a un gruppo di scrittori romeni che hanno creato la casa editrice Rediviva (…) «C’è un grande significato simbolico in tutto ciò: gli scrittori che hanno migrato scavalcano il sistema italiano- dice Monteiro. C’è stata una progressione: prima scrivevano in italiano…

Letteratura romena: i poeti postmodernisti

E’ necessario ricordare che questi testi autentici e realistici, furono redatti in uno dei periodi più bui della storia della Romania: gli anni 80 del Novecento furono definiti dalla critica romena „decennio satanico” in riferimento all’intolleranza del regime comunista verso i dissidenti e verso gli intellettuali che osassero criticare direttamente o indirettamente la politica di Ceaușescu.

Percorsi di instabilità nella letteratura della migrazione romena (2)

Come già sottolineato nell’introduzione, il trauma della migrazione dà luogo a imprevedibili configurazioni e paesaggi mentali: chi sceglie di affrontare la spaesante avventura sperimenta molteplici fratture nella psiche e infinite lacerazioni nel tessuto identitario.

Nina Cassian: poetessa controversa dalla penna sottile e disarmante

Lo scorso settembre la casa editrice Adelphi onora la grandezza di questa poetessa romena con l’uscita del volume di poesie ‘C’è modo e modi di sparire’, raccolta di 240 meravigliose opere, curata da Fatica, tradotte da Anita Natascia Bernacchia.

In uscita presso Rediviva Edizioni il volume di poesia “Supplemento di esistenza” di Spiridon Popescu

Di recente presso Rediviva Edizioni di Milano è stato pubblicato il volume di poesie di Spiridon Popescu “Supplemento di esistenza” (edizione bilingue romeno – italiano) curato e tradotto dalla dott.ssa Mirela Tingire. Spiridon Popescu è un importante poeta romeno, nato il 4 settembre 1952. Attualmente vive a Târgu – Jiu, città divenuta celebre grazie alla presenza di tre capolavori realizzati dal grande scultore romeno Costantin Brâncusi. Ha pubblicato in quasi tutte le riviste di cultura della Romania.È autore di sei volumi di poesie, di cui uno in edizione bilingue (romeno – francese). È membro dell’Unione degli Scrittori della Romania dal 1999.

Percorsi di instabilità nella letteratura della migrazione romena

Sulla condizione dell’esule si è scritto molto. Condizione tragica, drammatica, estrema, eroica, dai caratteri definitivi, fatalistici e assoluti.

Irina Turcanu tra i vincitori del concorso “Lingua Madre”

Quest’anno una vincitrice del Concorso letterario nazionale Lingua Madre – progetto permanente della Regione Piemonte e del Salone Internazionale del Libro di Torino è l’autrice di nazionalità romena Irina Turcanu che si è classificata 3° con il suo racconto ’12’.